9 giugno 2012

DRAMMA E MELODRAMMA



La differenza tra dramma e melodramma è sottile e spesso opinabile. Non dipende dalla situazione in cui versano i personaggi, ma dalle loro reazioni alla situazione stessa e dal modo in cui l'autore le esprime. Nel dramma i personaggi hanno reazioni proporzionate alla gravità di ciò che accade; quando compiono gesti eclatanti o scelte estreme lo fanno per motivi che possiamo non condividere, ma che comunque troviamo plausibili. Nel melodramma, invece, toni e gesti dei personaggi appaiono esagerati e troppo appariscenti anche di fronte a fatti di scarsa importanza. Questo perché l'autore desidera giustificare l'evolversi della trama oppure suscitare nel lettore una specifica emozione, senza però usare gli strumenti giusti: tensione, poste in gioco, conoscenza dei personaggi, coerenza.

(da "Per scrivere bisogna sporcarsi le mani" - Grazia Gironella)


Nessun commento:

Posta un commento