28 aprile 2012

IL FINALE


Il finale giusto nasce da una trama ben costruita e da personaggi profondi e ben delineati. Appiccicare un grande finale a una storia mediocre non funziona. Questo accade specialmente quando non sentiamo la storia abbastanza vibrante di energia e ci illudiamo di poterla riscattare con un bel colpo a sorpresa. Invece l'assenza di quella vibrazione dimostra che non abbiamo fatto crescere la tensione a sufficienza nel secondo atto, ed è lì che dovremo tornare per correggere e riscrivere fino a quando, una volta resi efficaci il crescendo verso il climax e le poste in gioco, ci troveremo finalmente tra le mani il nostro finale, e sarà quello giusto.

(da "Per scrivere bisogna sporcarsi le mani")

Nessun commento:

Posta un commento